Reiki master: chi è e come si fa a diventare un maestro Reiki

Federico ScottiApprofondimenti su ReikiLascia un commento

In questo articolo affronto un tema importante non solo per la disciplina del Reiki, ma per tutte le discipline dove il ruolo del maestro è fondamentale. Cercherò quindi di rispondere in maniera sintetica ma esauriente a due domande che spesso vengono fatte da chi si accosta alla disciplina del Reiki per la prima volta.  

Chi è il Reiki master

La parola Reiki master o maestro Reiki identifica comunemente una persona che ha acquisito competenze e conoscenze e ha fatto sufficiente pratica per poter insegnare agli altri la disciplina del Reiki. Un Reiki master è quindi un insegnante di Reiki riconosciuto da altri insegnanti.

La figura del Reiki master è spesso sottovalutata e poco valorizzata in occidente, in quanto è abbastanza comune trovare insegnanti di Reiki che hanno alle spalle un paio di giornate di formazione e solo qualche centinaio di ore di pratica.

L’occidentale ha infatti da sempre una gran fretta di “bruciare le tappe” e appendere attestati in bacheca e questo atteggiamento mentale ha portato molte scuole di Reiki a proporre percorsi brevi o addirittura brevissimi che conferiscono il titolo di Reiki master. Il risultato di questa operazione è la svalutazione del ruolo e del valore del Reiki master e un drastico abbassamento della qualità degli insegnamenti che questo tipo di insegnanti possono proporre ai loro allievi.

Conseguenza ulteriore è una generale e diffusa scarsa preparazione dei praticanti Reiki che si formano con questi insegnanti. E a farne le spese è anche la disciplina del Reiki.

Questa sottovalutazione del ruolo dell’insegnante di Reiki è spesso dovuta al fatto che erroneamente si identifica chi insegna Reiki con chi conosce le tecniche per effettuare le così dette attivazioni, in giapponese i Reiju. In altre parole: una volta che hai imparato le tecniche per “attivare al Reiki” altre persone sei pronto per fare l’insegnante!

Come se conoscere i Promessi Sposi di Manzoni o la vita e le opere di Carducci ti rendesse un insegnante di letteratura italiana all’Università.
Per fortuna le cose stanno in maniera un po’ diversa: un insegnante è tale se sa insegnare. Conoscere un argomento e saperlo insegnare agli altri sono due cose molto ben distinte. 

Ma la capacità di insegnare non è l’unica caratteristica che deve avere un Reiki master per essere tale. Questa caratteristica è ben espressa dal termine Shihan che è la parola che i giapponesi utilizzano per indicare un insegnante.
Shihan letteralmente significa insegnante modello, oppure colui che insegna attraverso l’esempio.

Questa caratteristica è fondamentale per la disciplina del Reiki che è una disciplina di crescita personale.
L’esempio autorevole dell’insegnante di Reiki è il presupposto per una trasmissione degli insegnamenti che abbia un effettivo valore e che vada dunque al di là delle singole nozioni che vengono insegnate. Lo Shihan con il suo esempio di vita onora la disciplina del Reiki e onora l’allievo che a lui si affida. 

Appare quindi evidente che non è possibile diventare un esempio per gli altri in un week-end di formazione e con poche ore di pratica alle spalle.
Si diventa un esempio vivendo quotidianamente la disciplina del Reiki e soprattutto sperimentando la vicinanza con gli allievi e osservando un altro Reiki master insegnare la disciplina.

Come si diventa Reiki master

Per diventare un maestro Reiki che abbia le competenze per poter insegnare la disciplina agli altri ma che soprattutto possa rappresentare un esempio e un modello da seguire e a cui ispirarsi per i suoi allievi è necessario un percorso formativo teorico-pratico di almeno un anno.
Questo percorso rappresenta da una parte un tirocinio formativo per il candidato insegnante e dall’altra permette di approfondire in maniera precisa e puntuale gli argomenti e le conoscenze relative alla disciplina del Reiki a tal punto da poterli insegnare agli altri. 

Durante questo percorso il candidato Reiki master avrà modo di relazionarsi con decine di allievi ognuno con il suo vissuto, le sue esperienze e le sue difficoltà, imparando così ad insegnare entrando in relazione con la variegata complessità delle differenti sensibilità umane. 

Diventare Reiki master è quindi innanzitutto una responsabilità che una persona sceglie di assumere, responsabilità in primo luogo nei confronti dei propri allievi, nella consapevolezza che insegnare agli altri una disciplina di crescita personale come Reiki  deve presupporre una grande capacità di ascolto e una grande sensibilità nei confronti degli altri.

Il maestro Reiki si mette al servizio degli altri con il proprio esempio per accompagnarli nella Via di crescita personale del Reiki.

L'Autore

Federico Scotti

Facebook Twitter

Master Reiki Tradizionale Giapponese, laureato in Filosofia, specializzato nelle filosofie orientali, membro Komyo Reiki Do Italia, autore dei libri "La Luce che cura" e "Reiki Il Ritmo dell'Universo".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *